La capacità di sentirsi meritevoli vs perfezionismo

FB_IMG_1516097228246

Ogni giorno siamo in cammino verso qualcosa a cui aspiriamo, sogniamo, desideriamo fortemente.

L’amore verso noi stessi dovrebbe essere quel motore che ci muove e fa scegliere pensieri di gioia ed azioni di armonia, come mezzi verso il nostro scopo più alto.

Talvolta invece, inciampiamo nei nostri stessi abiti, che scopriamo essere di giorno in giorno sempre più scomodi. Ma c’è qualcosa che ci impedisce di cambiarli che si contrappone alla volontà di scegliere quelli su misura per noi: le nostre aspirazioni, la nostra vocazione, la nostra identità, la nostra sessualità, la nostra spiritualità…

E così, abituati a indossare “quegli” abiti che ci hanno dato e chi ci siamo limitati a indossare senza guardarci troppo allo specchio ad un certo punto sembrano prendere vita e parlarci attraverso: panico, senso di colpa, insonnia, desiderio continuo di cibo o al contrario sempre meno voglia di cibo…già!

Sai che c’è?! Che ad un certo punto, presto o tardi i conti non li farai più con chi ti ha passato gli abiti, ma con quella vocina che chiede aiuto dentro di te.

Da bambini ci hanno detto che la mamma e il papà hanno sempre ragione e che il bene e il male che loro ci insegnano a riconoscere sono anche i nostri.

Senza alcun dubbio mamma e papà dovrebbero essere i nostri migliori educatori, ma anche i nostri liberatori, cioè coloro che ci guidano a scoprire chi siamo, ad amarci e ad accettarci esattamente così come siamo.

Come sarebbe la tua vita se tu scegliessi di darti il permesso di Amarti esattamente così come sei?!

Come sarebbero i nostri bambini, mamme e papà, se lasciassimo loro liberi di esprimere i loro talenti e le loro aspirazioni, per diventare se stessi, semplicemente?!

Forse, se concentrassimo le nostre energie su questo, potremmo senza alcuna presunzione sentirci e far sentire gli altri meritevoli di ogni cosa ricevuta.

Così liberati da un’immagine distorta di come dovremmo essere, ora abbiamo il permesso di fare ciò che sino ad oggi ci siamo fatti scrupolo: chiedere, approvarci, dire di no a ciò che non ci fa stare bene…

Ecco che allora la magia diventa concreta e reale e prende il posto dell’immateriale perfezionismo che ci hanno illuso di raggiungere.

Ti senti più leggero?

Da cuore a cuore

Barbara

«La perfezione si ottiene non quando non c’è nient’altro da aggiungere, bensì quando non c’è più niente da togliere» -Antoine de Saint-Exupéry-

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *