Percorsi Mamma -Bimbo

 

genitori affiatati la parte di te che risuona con tuo figlio

GENITORI AFFIATATI

 

Sei una mamma di un bimbo che fatica a esprimere le sue emozioni? Un bimbo oppositivo, reattivo e spesso scontroso? 

Il percorso ti permette di avere uno spazio sicuro, dove esprimerti, trovare uno spazio di supporto, sfogo e ristrutturazione della relazione; gli strumenti impiegati durante il percorso vengono di volta in volta studiati su misura, in base agli obiettivi.

Il percorso ti serve per avere e portarti a casa un modo semplice, pratico e creato da te per sentirti di nuovo al tuo centro, sicura e salda nel gestire ogni situazione dalla più sfidante alla più emotiva.

E’ un percorso dedicato, curato in ogni dettaglio, per permetterti di lasciare andare ansia, stanchezza, pesantezza e fatica e soprattutto senso di colpa e giudizi maturati nei mesi, su come dovresti essere e fare.

Sono inoltre previsti incontri facoltativi con l’altro partner genitoriale, qualora ci sia necessità di intensificare e migliorare la relazione che avete tra di voi, in qualità di genitori.

Un esempio?

Sara, la mamma di Nicolò mi ha contattata per iniziare un percorso insieme al suo bimbo perché le insegnanti le avevano segnalato la sua difficoltà a relazionarsi positivamente con i compagni e la sua “incapacità” a chiedere supporto quando era in difficoltà.

Scegliendo “Genitori Affiatati” Sara ha ottenuto:

Nel giro di pochissimi incontri N. ha trasformato il silenzio in rabbia, perché non si sentiva compreso e successivamente in capacità di chiedere  ciò di cui aveva bisogno.

La mamma  ha iniziato ad accorgersi che modificando l’approccio a se stessa, suo figlio ha risuonato nuovamente nella relazione, ovvero: ha iniziato a fare richieste, a parlargli di come si sentiva e a ricercare quegli abbracci e quel contatto che mancava loro da molto tempo. Sara è riuscita ad incoraggiarlo per prima, rispondendo ai suoi bisogni, ricevendo da lui feedback di apprezzamento, accoglienza del suo aiuto e includendola nel suo mondo.

Qui inoltre trovi l’intervista di una mamma che rinforzando la relazione con se stessa ha portato nuova luce ed energia nella sua casa, qui

Come è cambiata la loro relazione?

Da urli e strilli, incomprensioni e silenzi perché “troppo scontroso o troppo silenzioso” a un dialogo fatto di complicità e sdrammatizzazione: questo cambiamento ha permesso nel giro di 3 mesi ad entrambi di riabbracciare una relazione mamma bimbo stupenda e producente, a scuola e a casa.

Per chi è questo percorso?

Se vuoi cambiare le cose in modo efficace e duraturo nel tempo

Se vuoi metterti in gioco, lavorando su di te, seriamente, con impegno e dedizione

Se hai fiducia nel viaggio, più che nella meta d’arrivo

Se sei disposta a farti accompagnare, nonostante le paure

Se credi nella complementarietà degli strumenti, anche quando tuo figlio ha una diagnosi ed è seguito da personale clinico

 

Non fa per te se

 

Sei piena di pregiudizi nei confronti nei percorsi individuali

Se vuoi tutto e subito e magari fatto in tua assenza

Se temi il giudizio di partner e parenti

Se sei convinta che il problema è solo di tuo figlio

Se hai in mano certificazioni e diagnosi psicopatologiche e vuoi esclusivamente il supporto di medici e figure cliniche

 

 

TI PIACEREBBE AVERE FINALMENTE LA CHIAVE CHE TI PERMETTE DI RELAZIONARTI SERENAMENTE CON TUO FIGLIO/A?

CLICCA IL BOTTONE FUCSIA
per fissare la tua consulenza GRATUITA con me

INFONDO ALLA PAGINA

Ricevo in studio in Via Pascoli 4, Olgiate Comasco, Como oppure ONLINE tramite piattaforma SKYPE e ZOOM, se sei lontano.

 

INSEGNANTI

Sei un’insegnante e vivi quotidianamente e annualmente la difficoltà di inclusione dei bimbi/ragazzi diversamente abili? Spesso assisti a difficoltà di integrazione socio-culturale?

A seconda dell’età degli studenti, strutturo progetti con obiettivi specifici da oltre 10 anni, insieme agli insegnanti delle scuole primarie e secondarie.

Qui trovi gli istituti dove ho già creato percorsi ad hoc con successo.

Il percorso si sviluppa attraverso il corpo e i suoi linguaggi non verbali, l’ascolto attivo, il respiro, la voce, l’energia del movimento e le tecniche di teatro.

Grazie all’impiego di questi strumenti, gli studenti stimolano la percezione delle proprie capacità relazionali ed espressive e migliorando la loro consapevolezza, migliorano le relazioni con gli altri indipendentemente dal livello intellettivo e relazionale.

TI PIACEREBBE PERMETTETE AI TUOI STUDENTI DI SENTIRSI APPARTENENTI AD UN’UNICO GRUPPO E DI AVERE UN RUOLO PERSONALE, SENZA DISCRIMINAZIONI?